Richiedi info

Richiedi informazioni

Mare and More

Isola Favignana


Anticamente il nome di Favignana era Egusa (Aegusa per i latini), dal greco Aigousa (Αἰγοῦσα), cioè «che ha capre», data la loro abbondanza sull'isola. Era anche conosciuta con altri nomi come AponianaKatriaGilia e viene ricordata da numerosi scrittori tra cui Plinio, Polibio, Nepoziano, l'anonimo Ravennate. Dai geografi arabi era conosciuta con il nome Djazirat ‘ar Rahib («isola del monaco» o «del romito»), in quanto sull'isola si erge un castello di epoca normanna, il cosiddetto Castello di Santa Caterina, dove avrebbe vissuto per l'appunto un monaco. Il pittore salvatore Fiume la definì una «farfalla sul mare» per via della sua conformazione caratteristica. Il nome attuale (anticamente Favognana) deriva dal Favonio, un vento caldo di ponente che ne determina il clima molto mite.

L'isola di Favignana ha una superficie di 19 km² circa e uno sviluppo costiero di 33 km frastagliati e ricchi di cavità e grotte. Nonostante nell'antichità fosse ricca di vegetazione, oggi ne è povera a causa del disboscamento.

L'isola è attraversata da nord a sud da una dorsale montuosa la cui altitudine massima è quella del Monte Santa Caterina, di 314 metri. Altre due cime sono la Punta della Campana alta 296 metri e la Punta Grossa (252 metri).

Sul lato meridionale si trovano gli isolotti Preveto, Galera e Galeotta (praticamente degli scogli).

Da visitare assolutamente in barca o gommone per apprezzarne al meglio la bellezza e coglierne i dettagli. 

Spiagge di Favignana:

  • la spiaggia della Praia al porto
  • Burrone (spiaggia sabbiosa)
  • Cala Azzurra (spiaggia con scogli)
  • Cala Rossa (scogliera)
  • Bue Marino (scogliera)
  • Cala Grande
  • Cala Ritunna (cala rotonda)
  • Grotta Perciata (scogliera)
  • Calamoni (scogliera e piccole spiagge)
  • Scivolo (scogliera)
  • La Praia
  • Punta longa
  • Preveto (ciottoli)
  • Marasolo (piccola spiaggia con scogli)

 

Cose da fare a Favignana:

  • Immergersi nelle acque cristalline di Cala Rossa, in uno scenario naturale unico.
  • Visitare le grotte marine (Grotta degli Innamorati).
  • Osservare il tramonto da Punta Sottile, guardando il sole morire al di là del faro.
  • Osservare il panorama dal Castello di S.Caterina, il punto più alto di Favignana, con vista sull’intero arcipelago.
  • Visitare il museo dell’ex Stabilimento Florio con una delle tante visite guidate.
  • Visitare le antiche cave di tufo e i giardini ipogei che ora vi crescono rigogliosi e curati.
  • Passeggiare tra le due piazze del paese e il piccolo porticciolo, fino al lungomare con vista su Levanzo.
  • Gustare le delizie locali .
  • Parlare con i tonnaroti e farsi raccontare gli aneddoti della tonnara e di quella che fu la mattanza a Favignana.
  • Fare snorkeling tra le acque limpidissime di cala azzurra.
  • Fare un aperitivo in barca al tramonto.
  • Godersi il sole sdraiati sulla riva di Cala Azzurra.
  • Tuffarsi dal Bue Marino o da Scalo Cavallo o, se più esperti, da Punta Fanfalo.
  • Gustare cassatine, cassatelle e cannoli in una pasticceria.
  • Scattare delle meravigliose fotografie a tutti i paesaggi mozzafiato dell’isola.
  • Assaporare un gelato o una delle tantissime granite osservando il panorama dal lungomare.
  • Visitare l’area archeologica di San Nicola.
  • Fare una lunga passeggiata tra il verde del monte di S.Caterina.
  • Acquistare uno dei tanti souvenir o dipinti fatti a mano.
  • Portare a casa dei prodotti tipici di tonnara.
  • Scalare il monte S. Caterina a dorso di asinello con una delle escursioni.
  • Acquistare una delle piccole sculture in tufo degli artisti locali.

Prenota o richiedi info

ESPERIENZE